ITA UK    
  CONTATTI
06/08/2012
LE FORMICHE PERCEPISCONO LE ANOMALIE DELLE RADIAZIONI NATURALI? C’E’ LEGAME CON I TERREMOTI?

Nell’autunno del 2011 a Ragusa è avvenuto un fatto molto particolare: il prof. Limardo si trovava in città per un corso teorico-pratico inerente il fenomeno delle radiazioni naturali e, in serata, ha notato migliaia di formiche che fuoriuscivano dal sottosuolo e seguivano un percorso ordinato che non veniva interrotto nemmeno dalla presenza di ostacoli ( abitazioni, cancelli, muretti, ecc.). Avendo con sé la strumentazione di rilevamento delle radiazioni naturali, il professore ha verificato che il percorso seguito dalle formiche corrispondeva ad una micro-faglia e lo spettrometro indicava un’alterazione della posizione di radiazione gamma proveniente dal sottosuolo (generalmente la posizione è stabile mentre, in quel caso, era molto instabile). Il prof. Limardo ha considerato la possibilità che da lì a poco si potesse verificare un evento sismico e che l’anomalo comportamento delle formiche potesse essere una reazione verso una fonte di disturbo che esse avevano percepito. Quella stessa notte si è verificato un terremoto, fortunatamente non di forte intensità, ma che è stato avvertito dalla popolazione e che è stato riportato anche sui giornali locali e nazionali: gli allievi del corso, che avevano assistito ai rilevamenti del professore e alle sue congetture, sono rimasti sbalorditi e hanno avuto ulteriore conferma dell’importanza del controllo di eventuali modifiche delle radiazioni telluriche. Naturalmente il fenomeno può essere uno spunto interessante per nuove ricerche nel settore ed infatti il prof. Limardo e il suo team ha pensato in futuro di approfondire l’argomento, avvalendosi anche di geofisici di fama e di ingegneri elettronici, per mettere a punto eventuali strumentazioni idonee, richiedendo contributi per la ricerca ad alcuni Enti : tra questi lo Stato dell’Oregon -USA- che finora si è dimostrato sensibile ed attento ai suoi studi, contribuendo di recente con il 50% dei costi alle sue ricerche per la messa a punto di un nano-processore utilissimo per proteggere la persona da un eventuale danno biologico al DNA derivante dall’utilizzo del telefono cellulare (i certificati e le caratteristiche del nano-processore sono sul sito www.geoprotex.it).

torna

  Corsi Convegni Conferenze  
Nessuna notizia disponibile
  ENTI ISTITUZIONALI  
  ARPA
Agenzia regionale protezione ambientale
http://www.arpa.piemonte.it/
  ENEA
Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile
http://www.enea.it/
  IAEA
International Atomic Energy Agency
http://www.iaea.org
  INAIL
Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro
http://www.inail.it/
  ISS
Istituto Superiore di Sanità
http://www.iss.it/
  JRC Ispra
Joint Research Centre
http://ec.europa.eu
  Ministero dell'Ambiente
http://www.minambiente.it/
  Ministero della Salute
http://www.salute.gov.it/
  ASSOCIAZIONI E AZIENDE  
  AIRP- associazione
Associazione Italiana di Radioprotezione
http://www.airp-asso.it
  Cerotti Skudo® - azienda
Cerotti nanotecnologici di protezione
http://www.cerottiskudo.it
  Edita Natura Srl - azienda
Produzione e commercializzazione sistemi di protezione ambientale
http://www.geoprotex.com
  Unione Tutela Consumatori - associazione
http://www.utc-onlus.blogspot.it
  Riferimenti bibliografici  
Come difenderci dalle radiazioni - N. Limardo
edito da: Casa Energia, luglio 2009

Enhanced deposition of radon daughter nuclei in the vicinity of power frequency electromagnetic field - D.L. Henshaw et al
edito da: Int. J. Radiat Bio, 1996, <. 69: 25-38

Errori nella rilevazione e nella valutazione dei parametri posturo-stabilometrici di origine ambientale - A. Carducci
edito da: tesi di specializzazione per Tecnici di Posturometria, Univ. “Jean Monnet”, Brux

Healt effects of exposure to low levels of ionizing radiation - V. Beir
edito da: Washington, DC, National Research Council, 1990

La radioattivita naturale e i campi elettromagnetici artificiali: sistemi di protezione - E. Galli
edito da: tesi di laurea Facolta di Medicina e Chirurgia Universita di Siena, marzo 2009

Panico da Polonio210 - Commissione Europea Ist. Elementi transuranici
edito da: Newton, gennaio 2007

Radon and monocytic leukaemia in England - J.P. Eatough, J.P. Henshaw
edito da: Epidemiol Community Health, 1993

Radon exposure and leukaemia in childhood - J.F. Viel
edito da: Int J. Epidemiol, 1993

Radon: a causative factor in the induction of myeloid leukaemia and other cancers in adults and children? - J.P. Eatough, J.P. Henshaw, R.B. Richardsson
edito da: Lancet, 1990, 335:1008-1012

Salute dell’habitat - N. Limardo
edito da: Anima Edizioni, 2012, 3° ed

Tecnologia quantistica - N. Limardo
edito da: Anima edizioni 2014